GHEPPIO

(Falcus tinnunculus) kestrel

 

Il tipico e comune “falchetto” che spesso si vede sui fili o sui pali del telefono ai bordi delle strade, anche quelle molto trafficate.

Specie che si è ben adattata ai fenomeni di trasformazione ambientale, il gheppio negli ultimi anni mostra un incremento numerico e la colonizzazione di aree da cui era assente da tempo. Si alimenta con insetti e micro mammiferi che cattura sul terreno dopo averlo ispezionato volteggiando e rimanendo fermo in aria nella posizione cosiddetta dello “Spirito santo”. Presente con qualche individuo anche ad Agrate, si è anche riprodotto. Lo si vede normalmente nei campi intorno alla vasca Volano, la C.na Morosina e qualche volta  nei pressi della C.na Pescarola. Nel dicembre 2009 un gheppio ( come tutti i rapaci si tratta di specie protetta), è stato ferito da una fucilata nei pressi della vasca Volano.