Balia nera e Stiaccino

Due piccoli e interessanti migratori: la balia nera, scovata tra le piante da frutta del giardino e uno stiaccino, posato sulle spighe del sorgo in un campo presso la vasca Volano. Anche loro, come il codirosso di ieri, diretti in Africa sub-shariana; sono specie insettivore e catturano le loro minuscole prede partendo da posatoi, allo scoperto nel caso degli stiaccini, più riparati, nel folto della vegetazione nel caso delle balie.

26.09.2010

Traffico aereo

Nel pomeriggio  tre poiane hanno dato spettacolo nel cielo di Agrate, hanno a lungo volteggiato facendosi trasportare dalle correnti termiche e hanno compiuto numerose evoluzioni incrociando spesso le traettorie.

 Il brutto tempo e la neve sui monti devono aver favorito il loro spostamento migratorio verso sud, oltre alle tre che si vedono nella foto altre due volavano altissime in cielo, lambendo le nuvole sparse del dopo maltempo. Ancora più in alto volava qualcosa di bianco, e non era un gabbiano... 25.09.2010

Codirosso in migrazione

Un codirosso in migrazione verso l'Africa si è fermato nei campi presso la vasca Volano,  le piante del mais gli assicurano gli insetti di cui si nutre e la protezione in caso di pericolo, la  rete di recinzione è un bel posatoio da dove ispezionare lo spazio circostante. 25.09.2010

Una Volpoca alla vasca Volano di Agrate

 Si, una Volpoca, avete letto bene; che ci fa una Volpoca, specie di anatra che dall'aspetto ricorda un'oca, in un piccolo invaso dell'Alto Milanese? Si tratta infatti di una specie piuttosto rara  che vive nelle regioni costiere del Nord Europa e dell'Europa sud orientale; in Italia frequenta stagionalmente le zone lagunari del delta del Po e alcune tratti litoranei della Sardegna e della costa tirrenica, dove sembra nidifichi con qualche decina di coppie. Dunque una vera e propria rarità, probabilmente si tratta di un giovane - la livrea non è ancora quella dell'adulto- in dispersione che si è aggregato a un gruppo di germani reali, arrivati anche loro alla vasca Volano, le volpoche sono infatti tendenzialmente gregarie tra di loro ed  raro vederle solitarie, in questo caso il giovane si è probabilmente aggregato ai germani e  con essi si è spostato.

Sosta di qualche ora e poi subito ripartenza verso dove non si sa, speriamo in una zona protetta: domani si apre la caccia! 18.09.2010

Pochi arrivi..

Pochi arrivi di uccelli migratori in questo inizio di settembre ad Agrate e dintorni, lo scorso anno nello stesso periodo erano presenti diverse specie di uccelli in migrazione postriproduttiva ma quest'anno dopo l'arrivo degli stiaccini e di qualche balia nera  le presenze si sono molto diradate. Vedremo cosa riserva il proseguo della stagione, anche se tra solo una settimana si apre la caccia e poi per tutti, quelli che migrano e quelli che restano ( compreso i fotografi..), sarà vita grama.

 Le foto di oggi mostrano due specie, una che va: la balia nera, e una che resta: il gheppio. La foto della balia nera ( quella che si vede è una femmina o forse un giovane, il nero è sostituito dal marrone) è stata ripresa ad Agrate, quella del gheppio, posato sopra un grande noce americano ( Juglans nigra), in zona Parco Adda Sud. 12.09.2010

Cardellini e girasoli. Reprise

Ancora qualche foto di cardellini sui girasoli. E' settembre ma come vedete ci sono ancora in giro giovani cardellini non completamente autonomi, che siano i famosi bamboccioni che non se ne vogliono andare dalla famiglia? Guardate il breve video, il bamboccione è comunque molto carino.. 02.09.2010

Video: cardellini bamboccioni

Le pavoncelle

Settembre inizia con una nuova specie che si aggiunge al catalogo: la pavoncella. Nella foto scattata oggi in riva all'Adda, se ne vedono due volare sul pelo dell'acqua. Sono diventate molto rare le possibilità di osservare questa specie nel territorio agratese e nei dintorni; ancora negli anni Settanta si potevano vedere nei prati delle cascine Offellera e Ghiringhella ( dove adesso c'è il centro direzionale Colleoni)e  poi ancora nella zona delle "foppe" di Cavenago Brianza, prima che realizzassero la mega discarica di rifiuti. Specie di "doppio passo" si osservava soprattutto in ottobre e in febbraio. Per cacciatori  le pavoncelle erano "i vanétt". 02.09.2010