Codirosso: primizia nell'orto

 Uno ha appena finito di preparare il terreno per l'orto, che un minuto dopo le prime semine  ha già una primizia: un codirosso comune, appena arrivato dalla migrazione africana. Bellissimo, colorato e affamato si aggira tra il terreno appena smosso delle prose dando la caccia agli insetti terricoli . Non è solo: merli, fringuelli e storni partecipano al banchetto; oggi però la scena se la merita lui... 27.03.2011 

Il video

Cardellini e lucherini

Un bel gruppo di cardellini e lucherini si alimentano con le infiorescenze dei pioppi; siamo lungo l'Adda, nel tratto lodigiano. La frenesia alimentare è tale che si lasciano avvicinare fino a pochi passi, fotografarli è comunque complicato perchè si spostano in continuazione e il forte vento che soffia e scuote i rami ci mette del suo...  Le foto a un cardellino, il minivideo a un lucherino. 27.03.2011

Il video

Cinciarelle in giardino

Nel giardino sono stati istallati molti nidi artificiali, alcuni particolarmente piccoli, adatti alle cinciarelle; per adesso sono arrivate.. Speriamo li trovino di gradimento. 27.03.2011

Canti al tramonto

Un tramonto pieno di canti in giardino; una specie assente dall'autunno e arrivata fresca fresca dalla migrazione, il verzellino,  si è divisa i rami più alti con il verdone e il fringuello. Un merlo maschio ci metteva del suo per sovrastarli ma...  è rimasto in controluce, loro invece si sono esibiti col favore della luce dei caldi raggi di sole tramontante.

 Agrate, giardino in via De Gasperi, 21.03.2011

I colori del Saltimpalo

I colori accesi e dai forti contrasti sono la caratteristica più evidente del bellissimo saltimpalo. Necessita di habitat tranquilli, terreni incolti e cespugliati, prati stabili e aree aperte di una certa vastità, tutte caratteristiche poco rintracciabili nelle nostre campagne super urbanizzate. Tuttavia un'area che presenta queste prerogative è presente  ancora anche  ad Agrate, nei paraggi della vasca Volano, e così anche Agrate  ha il suo saltimpalo, una coppia per la precisione.

Si tratta di una specie migratoria, osservabile nelle nostre zone soprattutto durante l'epoca degli spostamenti. Può però capitare anche qualche nidificazione e dal comportamento del maschio - brevi voli ascendenti di parata- potrebbe essere anche il caso di questa coppia. Le foto e il video ritraggono il maschio, molto più vistoso e visibile della femmina. Agrate, 19.03.2011

Luì piccoli tra i fiori

Niente di più primaverile dei luì tra i fiori dei pruni, in questo caso luì piccoli di passaggio nel loro viaggio migratorio verso nord. Non si nutrono dei fiori ma dei minuscoli insetti e ragnetti che sono tra i fiori, non si fermano un istante e così intenti come sono a frugare tra un fiore e l'altro si lasciano avvicinare e fotografare con facilità; si dice per dire perchè in realtà esendo  in continuo movimento sono quasi sempre all'interno della vegetazione più intricata. Agrate, vasca Volano, 18.03.2011 

Moretta tabaccata, piccola e simpatica

Devono essere arrivate di notte, sono rimaste un giorno nello specchio d'acqua della vasca Volano e ieri notte sono ripartite, oggi non c'erano più. E' la prima volta che vengono segnalate alla vasca Volano, è la 139esima specie segnalata, un bel record!  Le morette tabaccate sono piuttosto rare e hanno un areale di distribuzione est europeo con nuclei isolati di presenza  anche in Italia, uno di questi è situato nel tratto di Adda compreso tra Lecco e Imbersago. Il loro color mogano è inconfondibile, come pure l'occhio bianco del solo maschio. La coppia ha nuotato insieme tutto il tempo della sosta tenendosi sempre alla maggior distanza possibile dalle presenze umane arrivate per ammirarle. Agrate, vasca Volano,18.03.2011

New entry: la Tordela

Delle quattro specie di tordi che si possono osservare di norma in Italia questa è quella raggiunge le dimensioni maggiori, circa 27 cm di lunghezza. Rispetto alle altre specie è la meno gregaria , come le altre  non è per niente facile poterla osservare da vicino. Nella nostra zona si vede quasi solo nel periodo della migrazione. Le foto, scattate da molto lontano e con condizioni di luce pessime, ne mostrano una posata per una sosta tra le piante di un boschetto in riva al canale Villoresi, nell'unico breve  tratto agratese dove le rive non sono ancora state del tutto aggredite dal cemento. Agrate, canale Villoresi17.03.2011

Il Rampichino

Piccolo come uno scricciolo e sempre in movimento, è il rampichino. C'è quello alpestre e c'è il rampichino comune, questo che si vede nelle foto scattate in settimana nei Giardini della Villa Reale di Monza è un rampichino comune; si differenzia dall'altro per le abitudini meno "montanare" e per avere i fianchi marroncini e non bianchi. Vola alla base dei tronchi e arrampicandosi a spirale si porta in alto  da dove scende in volo posandosi alla base di un altro tronco su cui si arrampica con la stessa tecnica. Scova i minuscoli insetti e ragnetti tra le fessure della corteccia; si può vedere, soprattutto in inverno, dove sono presenti  formazioni vegetali costituite da alberi maturi. 12.03.2011

Migliarino di palude

Una coppia di migliarini di palude appare all'improvviso di fianco al sentiero, non siamo al bordo di nessuna palude e di nessun specchio d'acqua, siamo tra i vivai agratesi, non molto lontano dalla cascina Vergana. In inverno infatti i migliarini frequentano anche zone interne, campagne con campi incolti o vegetazione fitta, come appunto quella dei vivai di aceri giapponesi che offrono ai migliarini un riparo molto simile a quello di un fitto canneto.

La femmina si rituffa tra il folto dei rami e scompare alla vista, il maschio, che ha  già assunto la sua bellissima livrea estiva caratterizzata dalla testa nera con un mustacchio bianco, galleggia per qualche attimo sulla vegetazione, giusto il tempo per un ritratto e poi scomparire. Tra breve i migliarini lasceranno le nostre zone per portarsi a nord e a ridosso di zone umide. 06.03.2011

Trovare il corvo

Il corvo in questione non appartiene al linguaggio figurato che chiama corvo una persona abbietta o cattiva, qui si tratta solo di una specie alata che viene spesso confusa con le "cugine" cornacchie o con le taccole. Nella prima foto le tre specie sono tutte raffigurate: due piccole taccole(Corvus monedula), una Cornacchia grigia ( Corvus corone cornix) e infine lui, il corvo ( Corvus frugilegus) riconoscibile per il piumaggio nero lucente e il gran becco chiaro. Delle tre specie è anche la più rara e in Italia(del nord) è presenza essenzialmente invernale, in ogni caso non è comunque facile da incontrare, nulla a che vedere con la comunissima e ormai "cittadina" cornacchia grigia. Le foto sono state scattate oggi nelle campagne tra Agrate e Omate, da lontano in quanto taccole e corvi sono piuttosto guardinghi. La seconda e la terza foto mostrano il corvo: decisamente un animale interessante(e intelligente, ne parleremo prossimamente). 06.03.2011

Bianco e nero

Bianco e nero nelle specie osservate oggi si sono un po' mescolati: un merlo maschio - chi più nero di lui... - che bazzica  il centro abitato, presenta il piumaggio con qualche spruzzatura di bianco.  Non è infrequente che siano osservati soggetti parzialmente bianchi e qualche volta interamente bianchi ( vengono chiamati "leucocistici"). Alla vasca Volano un cormorano a bordo acqua si mostra già nella sua livrea riproduttiva, sono apparse le tipiche macchie bianche all'attaccatura delle zampe e faccia e collo si sono schiariti, sono diventati quasi completamente bianchi.

Infine un gruppo di gabbiani comuni sono presenti con diverse livree, quella invernale degli adulti e dei giovani, con la faccia bianca in cui spicca un punto scuro a forma di mezzaluna dietro l'occhio e quella estiva degli adulti, con la testa marrone scuro, quasi nero.

05.03.2011