SETTEMBRE 2013

Falchi lodolai, il video

In un bosco ai bordi del lago di Pusiano, nella piana di Erba (CO), una famiglia di falchi lodolai si tiene in comunicazione con richiami ripetuti. Gli adulti sono caratterizzati da una sorta di calzari rossicci che non sono presenti nel giovane, ben visibile posato insieme a un adulto che volta le spalle alla videocamera. I lodolai sembrano  falchi pellegrini in miniatura e come questi cacciano prede al volo, insetti, specie libellule, e piccoli uccelli. Si tratta di una specie migratrice,  sempre più rara e difficle da osservare in Italia.

23.09.2013

Un prudente Porciglione

Sbuca improvvisamente dal folto del canneto e col becco rosso indaga il terreno paludoso alla ricerca di qualcosa da mangiare; si muove con circospezione, sempre pronto al minimo rumore a nascondersi nel canneto. Suoi simili ma più rari sono la Schiribilla e il Voltolino, sono "rallidi" e compiono i loro spostamenti migratori soprattutto di notte, di giorno stanno nel canneto... non è dunque facile osservarli.

Lago di Pusiano (CO), 21.09.2013

Porciglione
Porciglione

Martin pescatore all'alba

All'alba un Martin pescatore si posa su un rametto al limite del canneto . La scarsità di luce non consente di farci ammirare al meglio la magnificienza del suo piumaggio ma anche così il martin pescatore fa sempre un bel vedere.

Lago di Pusiano (CO), 21.09.2013

Martin pescatore
Martin pescatore

Cannaiola comune al Lambrone

I primi giorni di settembre sono quelli giusti per tentare di vedere i rari Pettazzurri in migrazione, piccoli passeriformi caratterizzati dalla macchia azzurra sul petto. In realtà esistono due popolazioni diversificate: una occidentale e una orientale, in una di esse la macchia ha una tacca interna bianca mentre nell'altra la tacca è rossiccia. 

Il "Lambrone", una località con molti canneti del lago di Pusiano è un sito adatto per le osservazioni del pettazzurro. Bisogna però avere un po' di fortuna che è..mancata. Accontentiamoci di vedere una vispa Cannaiola comune, sorpresa nel folto del suo ambiente naturale.

Lago di Pusiano, 14.09.2013

 

Culbianco confidente

Un confidente Culbianco si lascia fotografare tranquillamente a pochi passi di distanza; ci troviamo in un alta prateria alpina a oltre 2300 m s.l. , tra poco anche i culbianchi lasceranno queste altitudini per spostarsi nei fondovalle e poi intraprendere il viaggio migratorio verso sud. 04.09.2013

Culbianco
Culbianco

Corvidi montanari

Ecco tre belle specie di corvidi che possiamo incontrare durante una passeggiata in montagna: Corvo imperiale, Gracchio corallino e Nocciolaia. Non sono comunque specie comuni e si trovano dove ancora l'ambiente si presenta nelle condizioni migliori.Tutte e tre presentano una livrea e particolari morfologici che li rendono inconfondibili rispetto altre specie simili. Il corvo imperiale è "grande" ( più grande di una comunissima cornacchia grigia), nero lucente il suo piumaggio e presenta becco possente e una coda arrotondata. Il Gracchio corallino è "piccolo" (più piccolo di una Cornacchia grigia), becco e zampe di un bel rosso corallino, particolare che lo distingue dal più diffuso gracchio alpino ( vedi le novità del mese di giugno). Infine la nocciolaia, abitante delle coniferete soprattutto quelle in cui si trovano pini cembri, dei cui semi ha una predilizione. 4.09.2013

L'ultimo rigogolo dell'estate

Tra fine agosto e l'inizio di settembre i rigogoli, come molte altre specie che hanno concluso il periodo riproduttivo nelle nostre regioni, si preparano a partire per il lungo e pericoloso viaggio che li porterà in Africa sub equatoriale.

Nell'immagine si vede un giovane rigogolo - riconoscibile dal piumaggio ancora bianco del ventre- fotografato nei pressi dell'Adda, pochi giorni e sarà lontano.. 01.09.2013

Rigogolo
Rigogolo